Siria, ecco perchè muoiono i bambini.

Ma cosa sta accadendo in Siria ? Questo stato  confina con l'Iraq e la Turchia ed è bagnato dal Mar Mediterraneo quindi si trova sotto (geograficamente) l'Italia. Come per diversi stati del cosiddetto "vicino Oriente" (Libia,Siria,Egitto,Marocco,Tunisia etc.) anche qui non c'è un governo stabile e persiste un caos generale. Le terre sono divise e c'è una guerra civile in corso. I motivi di queste guerre in questi paesi sono simili tra loro:  povertà, disperazione, diritti umani violati, assenza di democrazia ma anche interessi economici, Tutte queste guerre fanno parte della cosiddetta "primavera araba" con i ribelli che protestano contro le rispettive forze governative, in alcuni paesi persiste l'instabilità e la guerra mentre in altri una calma apparente. In entrambi i casi c'è una  divisione dei territori occupati dai vari schieramenti. Tutte le guerre sono iniziate tra il 2010 e il 2012. Ritornando alla questione siriana ci sono tre schieramenti, il primo formato dalle forze governative e il regime del presidente Assad sostenuto dai Russi e dall'Iran, il secondo formato dai cosiddetti "ribelli" cioè l'opposizione siriana sostenuta dagli Stati Uniti, Turchia, Francia, Arabia Saudita, infine il terzo formato dallo Stato Islamico cioè l'ISIS. Quest'ultimo viene combattuto dagli altri due schieramenti perchè vuole  solo espandersi  seguendo la propria religione, invece il regime di Assad vuole semplicemente annientare le forze ribelli e spesso, purtroppo, lo fa con mezzi non convenzionali e proibiti come i gas che di recente hanno ucciso anche dei bambini scatenando l'ira non solo dei ribelli ma sopratutto degli Stati Uniti d'America che intendono rispondere a difesa della popolazione. La situazione  nel vicino e nel medio oriente è critica e in ogni caso chi ci rimette sono sempre i più deboli, cioè il popolo spesso indifeso e sempre in attesa di una risoluzione definitiva che forse non arriverà mai. (Michele Amato)