Castello di Avella 

Il "Castello Longobardo Normanno è posizionato  a 320 metri sul livello del mare,su una collina a nord-ovest della città,domina la valle e consente di godere del panorama del golfo di Napoli. Secondo la tradizione sorgerebbe sulle rovine di un  tempio pagano consacrato da Ercole.La prima cinta muraria fortificata fu costruita dai Longobardi ne VII secolo d.c. Venne abbandonato nel 1371 ma,poi,fu fatto restaurare nel 1533 da Pietro Spinelli. Attualmente restano due cinte murarie: quella interna,ellittica,costruita da torrette tondeggianti longobarde(costruite attorno al "castra" con il "palatium"); quella esterna,normanna, dalle solide mura intervallate da torri quadrangolari ed ornate con merlature guelfe.Nella parte alta della collina si elevano strutture meglio conservate e più imponenti della fortificazione: il "mastio" o "maschio" svevo-angioino e il donjon normanno. Era presente anche una cisterna. In un documento spagnolo del 1529 dell'archivio di Dimancas riportato dal Cortese, esso è descritto come <Froteleza con una tierra iunta disabitata;sobre un monte sta el castillo,ma tratado aunque antiguamente era bello y grande>. Ricordiamo poi il Cippo onorario L.E.Invento. Questo è un blocco di pietra calcarea databile attorno al 170 a.c. dedicato a Lucio Egnazio. Su di un lato, è visibile, uno schema dell'anfiteatro(con ima,media,summa cavea) e la doppia arcata e,sull'altro, due lottatori.