NOTIZIE  - BLOG - RUBRICHE

 

 

 

 

 

25 aprile, i partigiani: gli antichi ribelli

Oggi  viene spesso usato in televisione questo termine:"ribelli", cioè gruppi armanti organizzati  non appartenenti ad eserciti regolari che, come dice stesso la parola, si ribellano a qualcosa o a qualcuno. Nel vicino Oriente ci sono delle guerre in corso che vedono protagonisti gli eserciti dei governi dei dittatori contro i ribelli, come sta accadendo in Siria. Anche in Italia, pur non essendo paragonabile  la storia e alcune dinamiche con gli stati orientali, hanno agito dei ribelli: i partigiani (letteralmente vuol dire "di parte").  La loro azione militare di ribellione iniziò nel 1943 e si concluse nel 1945, il 25 aprile fu il giorno della liberazione dell'Italia dal regime fascista. Quest ultimo fu imposto da Benito Mussolini  che ha governato l'Italia,  per circa  venti anni (dal 1922 al 1943). Durante questa parentesi fascista, tenendo conto del periodo post-bellico (prima guerra mondiale) il governo cercò di ripristinare l'ordine e di attuare una politica nazionalista facendo molte cose buone ma purtroppo anche cose non buone nei confronti delle minoranze della popolazione, tra queste: l'alleanza con i nazisti e l'odio razziale diffuso, In ogni caso non era garantita la partecipazione democratica. Dunque dopo venti lunghi anni, le forze di opposizione, i partiti e i partigiani si allearono formando il Comitato di Liberazione Nazionale che mise in atto la cosiddetta Resistenza o guerra di liberazione. A sostenere nell'ultima fase questo comitato c'erano i cosiddetti alleati: americani, francesi, Inglesi e anche il Regno d'Italia con Umberto di Savoia.  Molti esponenti del Comitato di Liberazione fecero poi parte, dopo la caduta del fascismo, dell'Assemblea costituente. Nacque così la Costituzione italiana. w l'Italia libera e democratica !!!  (Michele Amato)

Avella, la storia del "Pasquino"

Il Pasquino è il nome di una delle sei statue di Roma cosiddette "parlanti". I romani affiggevano su di esse delle scritte, quasi sempre anonime, per protestare contro le autorità o i costumi del tempo. Queste composizioni presero il nome di "pasquinate". Vi chiederete, cosa c'entra Avella con il Pasquino romano ? Ebbene anche nella città d'arte  c'è una statua simile al Pasquino romano, si trova incastonata in un muro  contiguo al palazzo baronale, quest'ultimo riempie, con tutta la sua bellezza, una delle piazze principali della città, facendo ombra sui soliti frequentatori o visitatori. Statue simili, ad Avella, sono state ritrovate anche  all'interno del palazzo e sui cippi onorari presenti nella piazza che "piantonano" i due  ingressi. Di fianco alla statua del Pasquino avellano, è nata nel 2002 una gelateria artigianale che prende il nome proprio dall'opera marmorea mutila e corrosa. Il proprietario è un maestro artigiano: Carmine Guerriero. Egli ha creato un punto di ritrovo, pur non volendo, con le stesse funzionalità della statua. Si perchè mentre si degusta un buon gelato, magari alla nocciola prodotto tipico della zona, si può tranquillamente chiacchierare in modo serio o scherzoso affrontando argomenti che riguardano le autorità locali, la cultura, la politica, un po' di tutto. A moderare ovviamente le discussioni ci pensa il maestro Carmine. Insomma nella cittadina della nocciola e della cultura "Il Pasquino" non solo è ben conservato ma è diventata anche un' istituzione. Una piacevole e gustosa istituzione. (Michele Amato) 

La nocciola avellana fa bene alla salute, ecco perchè

La nocciola avellana  come tante altre  tipologie  di frutta secca  è un alimento molto energizzante ma questa non è l'unica proprietà, cerchiamo di capire cos'altro contiene che fa bene alla nostra salute. Partiamo dai grassi. Contiene omega 3 e 6 e  l'acido grasso oleico, che troviamo anche nell'olio exstra-vergine di oliva,  famoso per la sua azione protettiva del sistema cardiocircolatorio poichè riduce il colesterolo e trigliceridi. Allora pulite le arterie andiamo avanti. Abbiamo la Vitamina E che contrasta l'invecchiamento e i radicali liberi, poi la Vitamina B che invece si preoccupa dei muscoli e dei nervi, e non solo, anche della salute della pelle, unghia e capelli.  A parte tutte queste  vitamine, ci sono altri composti importanti tra cui il rame,zinco, selenio e poi gli immancabili potassio,calcio,fosforo e magnesio.  Come tutti gli alimenti però non bisogna esagerare con il consumo perchè nonostante la presenza di tutti questi elementi determina un congruo apporto di calorie. E allora per stare bene  vi suggeriamo di raggiungere la Città di Avella, città della nocciola per fare una buona scorta.  (Michele Amato)

Siria, ecco perchè muoiono i bambini.

Ma cosa sta accadendo in Siria ? Questo stato  confina con l'Iraq e la Turchia ed è bagnato dal Mar Mediterraneo quindi si trova sotto (geograficamente) l'Italia. Come per diversi stati del cosiddetto "vicino Oriente" (Libia,Siria,Egitto,Marocco,Tunisia etc.) anche qui non c'è un governo stabile e persiste un caos generale. Le terre sono divise e c'è una guerra civile in corso. I motivi di queste guerre in questi paesi sono simili tra loro:  povertà, disperazione, diritti umani violati, assenza di democrazia ma anche interessi economici, Tutte queste guerre fanno parte della cosiddetta "primavera araba" con i ribelli che protestano contro le rispettive forze governative, in alcuni paesi persiste l'instabilità e la guerra mentre in altri una calma apparente. In entrambi i casi c'è una  divisione dei territori occupati dai vari schieramenti. Tutte le guerre sono iniziate tra il 2010 e il 2012. Ritornando alla questione siriana ci sono tre schieramenti, il primo formato dalle forze governative e il regime del presidente Assad sostenuto dai Russi e dall'Iran, il secondo formato dai cosiddetti "ribelli" cioè l'opposizione siriana sostenuta dagli Stati Uniti, Turchia, Francia, Arabia Saudita, infine il terzo formato dallo Stato Islamico cioè l'ISIS. Quest'ultimo viene combattuto dagli altri due schieramenti perchè vuole  solo espandersi  seguendo la propria religione, invece il regime di Assad vuole semplicemente annientare le forze ribelli e spesso, purtroppo, lo fa con mezzi non convenzionali e proibiti come i gas che di recente hanno ucciso anche dei bambini scatenando l'ira non solo dei ribelli ma sopratutto degli Stati Uniti d'America che intendono rispondere a difesa della popolazione. La situazione  nel vicino e nel medio oriente è critica e in ogni caso chi ci rimette sono sempre i più deboli, cioè il popolo spesso indifeso e sempre in attesa di una risoluzione definitiva che forse non arriverà mai. (Michele Amato) 

Il gioco del calcio, ma chi lo ha inventato ?

In epoca antica i primi a rincorrere una palla furono i cinesi, i greci e i romani. Essi dimostrarono tutta la loro abilità nel portare la palla aldilà di una linea. Solo nel medioevo in Italia si cercò di mettere ordine a questo nuovo gioco con delle regole precise, Ciò accadde proprio in Italia, in Toscana, dove fu praticato il gioco del calcio in costume con le caratteristiche del rugby. Intanto a seguito delle precedenti  conquiste dei romani i giochi con la palla si erano espansi in quasi tutto il continente europeo.  Il calcio moderno nacque in Inghilterra, nelle università, e prese il nome di football. Nel 1850  alcune squadre di studenti decisero  di unirsi e  adottare ufficialmente  le prime regole del gioco del calcio, nel 1858 nacque la prima società calcistica: lo Sheffield Football Club, la più antica del mondo. Nel 1865 si costituì la prima federazione: Football Association. Il regolamento prevedeva il tocco  esclusivo della palla con il piede e non più con le mani, difatti ci fu una sorta di suddivisione delle federazioni, una per il gioco del calcio, l'altra per il gioco del rugby. Il primo campionato inglese iniziò nel 1888, successivamente in tutta europa, a partire dai primi del novecento, nacquero federazioni e club. La FIFA, ovvero Federazione Internazionale delle Associazioni di Football, nacque nel 1904, e raggruppa tutte le varie confederazioni di tutti i continenti. L'Italia è inserita nel continente europeo e fa parte della UEFA. Oltre che la FIFA esiste un altro organismo mondiale, l'IFAB "International Football Association Board" composto dalle sole federazioni britanniche. Unitamente alla FIFA questo organismo, a seguito di una votazione che tiene conto della maggioranza dei 3/4, può cambiare le regole del cacio. (Michele Amato)

Avella, è tempo di asparagi, ecco cosa contengono

Grazie alle gradevoli temperature primaverili non troppo umide e alle colline rocciose, anche nella città archeologica, in particolare in località Castello, sarà possibile trovare e raccogliere gli asparagi (Asparagus officinalis). Questa pianta fu coltivata nell'antichità dai greci e dai romani, a questi ultimi piaceva così tanto da organizzare delle spedizioni navali per la raccolta verso le piantagioni presenti in alcune terre.  La pianta presenta dei frutti di colore rosso (bacche) che contengono dei semi neri, poi è dotata di rizomi da cui si originano i turioni che rappresentano la parte commestibile. Tra le componenti chimiche dell'asparago ritroviamo: asparagina, rutina, acido folico,calcio, fosforo,potassio, magnesio,manganese e vitamina A e B. L'asparago ha proprietà diuretiche,contrasta l'astenia,rinforza i capillari. L'odore tipico delle urina è dovuto alla presenza di zolfo in alcune componenti dell'asparago. Si trovano nel mondo tre tipologie di asparagi: bianco, violetto e verde a seconda se la parte commestibile, il turione, riesce a fuoriuscire dal terreno e quindi adattarsi al processo di fotosintesi. L'asparago viene consumato previa bollitura in Italia  saltato in padella con burro e parmigiano o con olio e uova per una gustosissima e nutriente frittata di asparagi. (Michele Amato)

Ecco come e quando nacque l'Unione Europea

Nella capitale Roma, in questi giorni sono in corso i  festeggiamenti per il sessantesimo anniversario della firma dei cosiddetti "Trattati di Roma". Ma di che si tratta ?  In pratica alla fine degli anni quaranta alcuni paesi europei, tra cui l'Italia, decisero di sottoscrivere degli accordi. In ordine di tempo ci fu un primo tentativo di accordo militare e di difesa con De Gasperi, ma questo tentativo fallì a causa della Francia poco propensa all'attuazione. Precisamente nel 1949 fu sottoscritto da 47 paesi  il "Trattato di Londra" da cui nacque il Consiglio d'Europa con sede a Strasburgo, è un organizzazione internazionale di stati europei la cui funzione è quella di tutelare i diritti umani, la democrazia, la tutela dell'ambiente e della cultura. Questo però non va confuso con l'Unione Europea. Adesso cerchiamo di capire proprio come si è arrivati alla costituzione di quest'ultima. Il 25 marzo del 1957 gli stati europei firmarono i "Trattati di Roma"  e i primi accordi importanti  per quanto riguarda l'economia, infatti si creò il Fondo Sociale Europeo e la Banca Europea degli investimenti. In pratica prende vita la Comunità Economica Europea che getta le basi per la successiva costituzione dell'Unione.  L'Unione Europea nacque a seguito del "trattato di Mastricht" siglato nel 1993 con l'introduzione di nuovi articoli e nuovi accordi tra questi la moneta unica europea, le nuove adesioni e la banca centrale europea. Gli organi esecutivi dell'Unione Europea sono: la Commissione Europea formata dai commissari che segue l'iter legislativo e propone degli atti normativi che dovranno poi essere approvate dal Parlamento Europeo,quest'ultimo  eletto dai cittadini, l'attuale presidente del parlamento è un italiano: Antonio Tajani. Poi c'è il Consiglio dei Ministri Europeo, ogni sei mesi cambiano i ministri, sono rappresentati tutti i ministeri come succede nel governo di ogni singolo stato.  Come ultimo organismo c'è il Consiglio Europeo formato dai vari capi di stato o di governo (Per l'Italia attualmente è Gentiloni), la funzione è quella di definire le linee politiche e generali da adottare. Facciamo i nostri migliori auguri al vecchio continente europeo sperando in una ripresa economica. (Michele Amato)

Vi siete mai chiesti come nasce il vento ?

Il signore che vedete nella foto non è il  magico soffiatore ma Eolo il Dio del vento che per la mitologia greca era un grande domatore dei venti inoltre riusciva a prevedere le condizioni meteo osservando la forma delle nubi. Egli  fu molto utile ai pescatori delle isole Eolie (le isole  prendono il nome da Eolo). Ma allora è lui a  generare  questo "soffio" che a volte è fortissimo tanto da spazzare via tutto ?  La risposta è No.  Il vento si genera dallo spostamento di grosse  masse d'aria  che si trovano nell'atmosfera. E allora  cerchiamo di capire, in parole povere, chi le sposta. Queste masse migrano da zone ad alta pressione (zona con i cosiddetti anticicloni cioè dove l'aria è più pesante, si comprime e diventa più secca e calda) verso zone a bassa pressione (con i cosiddetti cicloni dove l'aria è meno pesante quindi si trova più in quota ed è umida e fredda). La forza che consente questo spostamento e quindi genera il vento deriva proprio dalla differenza delle pressioni e si chiama "forza di gradiente" che determina  un'accelerazione dal punto di pressione più alto (alta pressione)  a quello più basso (bassa pressione). Per pressione si intende l'azione della forza di una colonna di massa d'aria su di una superficie circoscritta. Le caratteristiche delle masse d'aria, ovvero il loro grado di umidità, la temperatura e altri fattori fisici e chimici determinano ovviamente una variazione della loro pressione sulla superficie terrestre e quindi così varia anche l'intensità del vento. Quindi nessun soffiatore magico !! (Michele Amato) 

le notizie di cronaca  in tempo reale 

su www,bassairpinia.it